Carte di credito: cosa sono e come funzionano

Carte di credito: cosa sono e come funzionano

Le carte di credito uno dei metodi di pagamento più utilizzati al mondo, ma effettivamente conosciamo davvero poco su come funzionino realmente.Si tratta di tessere in plastica dotate di microchip che consentono di effettuare transazioni senza l’utilizzo di denaro contante.

Anche se a prima vista possono sembrare pressoché identiche rispetto a carte prepagate o bancomat, in realtà si tratta di servizi a se stanti che hanno poco a vedere con il servizio di cui parleremo in questo articolo.

Come qualunque altro metodo di pagamento, anche la carta di credito propone una serie di vantaggi rispetto alla concorrenza così come, inevitabilmente, ha anche dei punti deboli.

>> Vedi Le Migliori Carte di Credito del 2019

Nelle righe seguenti andremo ad analizzare ogni singolo aspetto e caratteristica proposta da questo genere di servizi.

Le carte di credito e le principali alternative

La carta di credito è uno strumento di pagamento solitamente collegato a un conto corrente. Nonostante a prima vista sia dunque possibile confondere tale servizio con i bancomat o prepagate, in entrambi i casi le differenze sono sostanziali.

Carta di credito e bancomat

Con il bancomat infatti, il denaro viene direttamente prelevato dal conto corrente, mentre con la carta questo viene considerato come a debito. Di fatto, quando si spende denaro tramite una carta di credito, non si stanno impiegando soldi realmente propri, ma si attinge in realtà a una sorta di “prestito” effettuato dall’istituto bancario. Questo prestito, risulta naturalmente soggetto ad interessi che vengono rimborsati in seguito.

Quando spendiamo con la carta di credito non stiamo dunque spendendo soldi nostri, ma piuttosto prendendo in prestito denaro dalla banca, denaro sul quale verrà applicato un tasso di interesse e che rimborseremo probabilmente a rate, proprio come se dovesse trattarsi di una finanziaria.

Carta di credito e prepagata

Un discorso tutto diverso va fatto quando si parla di carte prepagate. Questo tipo di carta, permette di effettuare tutte le transazioni generalmente concesse da una carta di credito, tranne il pagamento a rate.

Il servizio in questione inoltre, non è collegato in nessun modo a un conto corrente: per poter rifornirla di denaro è dunque necessario effettuare dei veri e propri versamenti. Proprio questa sua natura comporta dei vantaggi per chi effettua acquisti online soprattutto per questioni di sicurezza. Naturalmente, i pagamenti non sono dilazionabili.

Come e quando utilizzare una carta di credito?

Dunque, in quali contesti è possibile (o consigliabile) utilizzare una carta di credito? Naturalmente molto dipende dalle condizioni a cui è soggetta la carta che si utilizza anche se, a grandi linee, vi sono alcune occasioni in cui può essere particolarmente conveniente come quando:

  • si utilizza la carta per effettuare acquisti tramite POS
  • si collega la carta ad altri servizi come PayPal
  • si ritira denaro contante tramite bancomat
  • si effettuano acquisti di beni e servizi piuttosto costosi (e si preferisce suddividere il costo in più rate)

Carte di credito: non solo rose e fiori

In alcuni casi, l’impiego delle carte di credito non è particolarmente consigliato. Chi, per esempio, ha problemi a gestire le proprie spese, può esagerare con gli acquisti. In questo senso, per esempio, una ricaricabile può porre un freno alle spese folli. A questo rischio vanno aggiunti anche gli interessi. Questi, più eventuali ulteriori costi, possono rendere una carta di credito davvero molto dispendiosa.

D’altro canto, questo genere di pagamento è indispensabile in alcuni contesti. Basti pensare ad acquisti piuttosto costosi dove, anche in virtù della rateizzazione, la carta di credito si rivela una formula di pagamento praticamente obbligatoria.