Carte prepagate business: cosa sono e come funzionano

Carte prepagate business: cosa sono e come funzionano

Il mondo delle carte prepagate sta vivendo un momento di grande espansione e, proprio per questo, sono ormai disponibili sul mercato soluzioni adatte a tutti.

Per quanto riguarda le partite IVA, per esempio, esistono le cosiddette carte prepagate business.

>> Vedi Le Migliori Carte Prepagate Business del 2019

Questo metodo di pagamento è appositamente realizzato per venire incontro alle aziende, da quelle a carattere prettamente familiare, sino a quelle più grandi con decine se non centinaia di dipendenti.

L’utilizzo di questo strumento, consente di ottenere numerosi vantaggi per chi deve gestire tasse, dipendenti e altri fattori legati a un’attività commerciale e non necessita di carta di credito.

In questo articolo affronteremo questa soluzione, cercando di capire se e come si pone rispetto ai tradizionali conti correnti.

Cosa sono le carte prepagate business

Se fino a qualche anno fa un conto corrente era pressoché indispensabile per qualunque tipo di attività, al giorno d’oggi molto è cambiato. Grazie a questo tipo di carta infatti, gli imprenditori possono snellire parecchio molte procedure riguardanti i pagamenti inviati o ricevuti.

Un requisito piuttosto importante per ritenere una carta prepagata business tale è la presenza di un codice IBAN (vedi anche le carte prepagate con IBAN per privati). In questo modo infatti, è possibile inviare e ricevere bonifici bancari che, come è facile comprendere, sono un metodo di pagamento piuttosto pratico in questo ambito. A ciò va aggiunto il fatto che, tutte le spese effettuate con questo strumento, vengono automaticamente archiviate e dunque risultano facilmente consultabili e controllabili.

La carta in questione, intestata non a una persona ma all’attività stessa, consente inoltre di poter effettuare il pagamento delle tasse e di domiciliare le utenze. In poche parole, si trasforma in uno strumento in grado di supportare le attività dell’imprenditore a 360 gradi.

Come utilizzare una carta prepagata business

Se è vero che questa tipologia di prepagata non si discosta molto dalle altre per caratteristiche, ciò che la differenzia maggiormente sono le possibilità di utilizzo. Queste infatti, possono essere gestite sia dal titolare che da un dipendente.

Nel secondo caso, il dipendente non deve anticipare denaro in nessun tipo di operazione e il proprietario della ditta è sicuro che ogni singola spesa sarà comunque segnalata tra le operazioni effettuate.

In alcuni settori specifici dunque, l’impiego di una prepagata di questo tipo si rivela assolutamente essenziale. In tal senso, i vantaggi sono ricollegabili a quelle di tutte le carte prepagate, con un saldo limitato, un ottimo livello di privacy e una straordinaria praticità.

I costi

Definire i costi delle carte prepagate aziendali non è facile. Sono infatti disponibili diversi servizi che trattano questo settore e che offrono condizioni diversi. Già a partire dal costo di emissione, vi sono alcune piattaforme che propongono la carta gratuitamente e altre che richiedono un pagamento.

Vista la natura di questo strumento, spesso è presente un canone mensile di pochi euro

canone mensile e, in alcune occasioni, può essere presente anche un costo per singola operazione.

Naturalmente è indispensabile, prima di sottoscrivere qualunque tipo di servizio, appurare quali siano i costi legati ad esso. Questa pratica, oltre che una buona abitudine, può anche aiutare ad individuare il servizio specifico che si adatta meglio al business della propria azienda.