Carta prepagata EcoCard: Recensione ed Opinioni
Carta prepagata EcoCard: Recensione ed Opinioni

La carta prepagata EcoCard offre un servizio di pagamento facile da utilizzare ed estremamente pratico.

Caratteristiche EcoCard

Grazie alla sua natura internazionale (è presente in tutti i paesi dell’euro zona) e alla possibilità di agire su diverse monete come euro, dollaro e sterlina inglese, EcoCard è uno strumento molto utile per chi vive o viaggia all’estero.

La prepagata in questione, costituisce inoltre un metodo veloce e sicuro per effettuare pagamenti sia online che nei negozi fisici.

Grazie al suo utilizzo è possibile prelevare da qualunque tipo di sportello ATM, a patto che faccia parte del circuito MasterCard.

In questo breve articolo analizzeremo le principali caratteristiche della carta, individuando i suoi principali punti forti ed eventuali lacune.

Carta prepagata EcoCard: Recensione ed Opinioni 2020

La semplicità che accompagna EcoCard è già percepibile in fase di richiesta della carta stessa.

Seguendo la procedura infatti, entro qualche giorno è possibile già avere a disposizione, nonché perfettamente funzionante, la prepagata in questione.

La registrazione avviene direttamente sul sito www.ecopayz.com, qui sarà dunque necessario aprire un EcoAccount personale.

Una volta terminata la procedura, è necessario entrare nell’account e, sulla parte sinistra dello schermo, selezionare EcoCard e poi la voce Domanda adesso.

Sono dunque richiesti alcuni dati del richiedente e, entro un paio di giorni lavorativi, la carta sarà inviata. Da quel momento, entro tre settimane, la carta sarà consegnata a domicilio.

Una volta ricevuta, è necessario apporvi la propria firma e attivarla online, seguendo le istruzioni del caso.

4 diversi tipi di profili

EcoCard offre l’opportunità di scegliere tra 4 distinti profili, ovvero:

  1. Silver,
  2. Gold,
  3. Platinum,
  4. VIP.

Ma cosa comporta questa scelta? In tal senso ogni tipo ha delle limitazioni diverse per quanto riguarda le spese e non solo. Per il resto (dall’attivazione alle commissioni) non vi sono sostanziali differenze tra i diversi profili disponibili.

Saldo e ricarica

Rispetto alle altre prepagate, EcoCard, ha la caratteristica di essere associata a un conto online.

Dunque, per poter monitorare i movimenti di denaro, è sufficiente dare una rapida occhiata all’EcoAccount.

In caso di problemi, naturalmente, è possibile affidarsi all’assistenza del sito stesso.

La ricarica, avviene sempre tramite EcoAccount e, in tal senso, è possibile affidarsi a metodi di pagamento come:

  • VISA
  • safetypay
  • paysafe card
  • Instadebit
  • PayU
  • Trustly
  • UnionPay

EcoCard: Costi e servizi gratuiti

Come ogni altro tipo di carta, anche EcoCard presenta dei costi.

Il prelievo, per esempio, vi è una commissione del 2% (commissione minima di 1,50 euro).

Per quanto riguarda il cambio valute, il costo è pari a una commissione del 4% sull’importo totale (costo minimo 0,80 euro). Nonostante la carta sia emessa gratuitamente e non presenti un canone annuale, la sua sostituzione costa 12,50 euro.

Va detto che però esistono anche una serie piuttosto interessante di servizi disponibili a titolo gratuito. Nello specifico, stiamo parlando, oltre alla già citata emissione a costo zero, di:

  • rinnovo della carta, al momento della scadenza (dopo 4 anni dall’emissione)
  • estinzione di una carta
  • richiesta del saldo online
  • richiesta del conto e dell’estratto conto online

Limiti

I limiti della carta prepagata EcoCard sono, per quanto riguarda il prelievo giornaliero via ATM, di 250 euro per i profili Silver e di 500 per quelli Gold, Platinum o VIP.

I pagamenti tramite POS, hanno un limite di 1.000 euro giornalieri per i Silver e di 2.500 per tutti gli altri profili.

I limiti mensili di spesa/prelievo sono invece pari a 15.000 euro per i profili Silver e 30.000 per tutti gli altri.

Disattivazione carta

Per smettere di utilizzare la carta prepagata EcoCard è sufficiente contattare il team di supporto clienti di EcoPayz. Ciò può avvenire tramite live chat o direttamente tramite l’indirizzo mail dell’assistenza.

Dopo aver seguito la procedura indicata dagli operatori, è possibile intervenire fisicamente tagliando la tessera (possibilmente rendendo inutilizzabile anche il chip presente su di essa).