Oval Pay: Recensione e Opinioni
Oval Pay: Recensione e Opinioni

Oval Pay è una delle tante carte di debito disponibili sul mercato. In cosa si differenzia dalla massa? Può risultare una delle soluzioni migliori in questo ambito?

La piattaforma che eroga questo servizio è frutto di una start up italo-britannica. Nonostante il servizio sia stato lanciato da poco tempo, sono infatti migliaia e migliaia gli utenti che stanno facendo richiesta di adesione.

La carta proposta, risulta legata a un conto online. Nulla di nuovo, almeno a prima vista. In realtà, Oval offre molto di più.

Attraverso questa piattaforma, l’utente può gestire al meglio le sue finanze, optando per accumulare le stesse in una sorta di salvadanaio virtuale o eventualmente in reinvestire il denaro. In tal senso vi sono alcuni consigli che un’intelligenza artificiale comunica all’utente in base alle sue abitudine economiche se è il momento di effettuare investimenti (anche di piccola entità) o meno.

Oval Pay permette di pagare presso migliaia e migliaia di esercizi commerciali convenzionati. Non solo: tramite la carta è possibile prelevare senza problemi anche da qualunque ATM. La carta è infatti parte del circuito VISA e offre un IBAN italiano.

Va comunque puntualizzato, prima di procedere con la lettura, che questo servizio si trova ancora in fase di lancio e quindi costi e condizioni non sono ancora del tutto chiari.

Vedi la nostra lista delle migliori carte prepagate 2020 >>

Oval Pay: Recensione e Opinioni 2020

Di fatto, è possibile collegare la carta a più conti correnti e far in modo di direzionare il denaro ricevuto in uno diverso ogni volta. Ovviamente l’applicazione aiuta l’utente a tenere traccia dei propri movimenti.

Proprio il software, merita decisamente qualche parola. Presente sia su App Store che su Play Store, si tratta di un’app estremamente sicura nonché gratuita. Questa permette di gestire lo storico delle spese e degli incassi, tramite apposite etichette che facilitano enormemente la gestione delle finanze.

Il programma permette di gestire anche obiettivi di risparmio prefissati e, più generalmente, una gestione approfondita del proprio stato economico.

Salvadanaio virtuale

Punto di forza di Oval è, come già detto, il salvadanaio virtuale. Questo è una sorta di “conto special” dal quale si può attingere in ogni momento, andando a rimpinguare i conti veri e propri.

Dallo stesso, è possibile accedere a un particolare marketplace interno. Qui sono pronti all’acquisto svariati prodotti finanziari, che vengono selezionati automaticamente (ma secondo le proprie esigenze e direttive) nonché proposti all’utente.

Ma come funziona il salvadanaio? Ad ogni acquisto, un’intelligenza artificiale arrotonda per eccesso il totale dell’importo. In questo modo, l’applicazione accumula soldi al fine di raggiungere un obiettivo prefissato.

Costi e caratteristiche legate alla carta

Al di là del salvadanaio virtuale, Oval Pay funziona come tante altre carte. Anzi, fatte le dovute considerazioni, risulta anche una delle più economiche.

Nello specifico, non sono presenti canoni mensili o annuali.

I bonifici sono gratuiti, così come i già citati prelievi da ATM. La compatibilità con Apple Pay e Google Pay, oltre al cashback (valido solo con attività convenzionate) sono ulteriori punti in favore della piattaforma.

Infine, è bene ricordare come tramite la stessa è possibile pagare bollettini, ricariche telefoniche nonché il modulo F24.

Oval Pay: Opinioni 2020 in conclusione

Oval Pay è senza ombra di dubbio una carta molto interessante, anche se è bene attendere la sua uscita ufficiale per potersi pronunciare a riguardo.

Il salvadanaio virtuale, abbinato alla possibilità di effettuare investimenti, rende tale piattaforma un servizio ideale anche nell’ambito della fintech.

Sicuramente le peculiarità di Oval Pay promettono molto bene e, se manterrà le sue promesse e le idee innovative, riuscirà senza ombra di dubbio a ritagliarsi uno spazio importante all’interno di questo settore così sovraffollato.