Move and Pay Pos: Recensione e Opinioni
Move and Pay Pos: Recensione e Opinioni

Move and Pay è la proposta di Banca Intesa Sanpaolo per quanto riguarda i lettori di POS. Con l’introduzione dello scontrino fiscale, il passaggio dai pagamenti cash a quello tramite carta è stato notevolmente accelerato.

In questo contesto, gli esercenti stanno cercando delle soluzioni valide per poter accettare pagamenti digitali senza doversi sorbire costi elevati. Proprio sotto il punto di vista dei costi, Move and Pay si propone come una interessante.

> Vedi anche la nostra pagina con l’elenco dei migliori POS, per capire le caratteristiche e i costi, e scegliere quello più adatto alle tue esigenze.

Rispetto alla maggior parte della concorrenza infatti, il lettore POS protagonista di questo articolo, non ha un costo al momento della sottoscrizione del servizio. Ciò rende particolarmente interessante questo dispositivo, che presenta comunque tante altre peculiarità degne di nota.

Move and Pay: Recensione del dispositivo gratuito e zero canone

Come qualunque altro strumento ideato per i pagamenti digitali, il POS Move and Pay gestisce le transazioni accreditando il denaro direttamente sul conto corrente del titolare. Questo metodo non utilizza alcun tipo di rete telefonica, appoggiandosi direttamente a un dispositivo mobile dotato dell’app Move and Pay.

Questa, disponibile sia su sistemi Android che Apple, si chiama Il Mio POS e, oltre che delle transazioni, si occupa anche di alcune interessanti funzioni riguardanti la contabilità e non solo. Una volta installato il software è necessario collegare il dispositivo mobile con il lettore POS e collegarsi alla rete attraverso Wi-Fi (o rete mobile).

Una volta che il sistema è stato impostato correttamente, è possibile fruire del lettore sia nel modo tradizionale, sia per i pagamenti contactless (per spese inferiori ai 25 euro che non richiedono l’immissione del codice PIN). Ogni singolo pagamento effettuato tramite Move and Pay, permette anche l’invio della ricevuta tramite sms o posta elettronica al cliente.

Configurazione iniziale

La configurazione del POS Move and Pay non è complessa, e seguendo alcune istruzioni sarà possibile farcela in pochi passaggi.

Come prima cosa, dovrete scaricare l’applicazione consigliata che si può trovare negli store sia della Apple sia di Google.

Dovrete entrare all’interno dell’app inserendo quelle che saranno le credenziali che la banca vi avrà inviato nella Welcome Mail, e che vi consentiranno anche di accedere successivamente a tutte le vostre operazioni.

A questo punto, nel caso in cui il vostro smartphone o tablet sia già associato ad altri dispositivi collegati via Bluetooth il consiglio è quello di spegnere gli altri dispositivi, in modo da evitare problemi ed interferenze.

Il dispositivo vero e proprio

Il lettore POS in questione si presenta con delle dimensioni contenute, con peso di poco superiore ai 110 grammi e dimensioni pari a 11,6 x 6,8 x 1,4 centimetri. Tutto ciò si traduce in un lettore POS facile da maneggiare e trasportare.

Per quanto concerne le batterie del lettore, queste possono durare per un lasso di tempo variabile da 3 a 6 giorni di lavoro, a seconda dell’intensità di utilizzo.

Come si configura il POS mobile Move and Pay

Andiamo più nello specifico, esaminando in cosa consiste la procedura per attivare Move and Pay.

Una volta scaricata e installata l’applicazione, è necessario avviarla e accedere alla stessa attraverso i dati comunicati dalla banca tramite posta elettronica. Queste credenziali vanno salvate o scritte su carta, in quanto sono indispensabili anche per tutti gli accessi futuri al servizio.

Una volta che l’app è funzionante, si può passare a lavorare sul lettore POS vero e proprio. Per attivare il congegno, è bene premere il pulsante sul lato destro. Fatto ciò, è possibile collegare il sistema Bluetooth sul dispositivo mobile e immediatamente dopo, selezionare il tasto F sul lettore POS.

Il dispositivo Move and Pay, a questo punto, propone un menù da seguire con l’intento di effettuare l’accoppiamento con lo smartphone. Se tutto procede per il verso giusto, il lettore POS dovrebbe individuare una serie di dispositivi Bluetooth attivi nell’area, dunque basta scegliere il proprio smartphone e confermare l’abbinamento da entrambe le parti coinvolte.

Se tutto è andato per il verso giusto, il dispositivo dovrebbe essere pronto per accettare i pagamenti.

Il software

Come qualunque altro tipo di lettore POS moderno, anche Move and Pay si appoggia a un software piuttosto complesso. L’app proposta da Intesa San Paolo infatti, supporta l’esercente durante le fasi di pagamento.

A dispetto di ciò però, il software presenta diverse falle che si ripercuotono sulla solidità del servizio. Di fatto, la connessione tra mobile e lettore appare instabile e ciò va a inficiare sulle transazioni.

Nonostante la presenza costante di assistenza attraverso numero gratuito, tali problematiche sono legate al programma e dunque non possono essere risolte dagli operatori.

Costi di Move and Pay

Anche se Move and Pay elimina canoni e costo d’attivazione, questo metodo di pagamento tramite POS presenta ovviamente delle commissioni sulle transazioni.

Va chiarito anche come sia presente un piccolo canone mensile, pari a 15 euro. A ciò, si va ad aggiungere la cifra di 1,90 euro al mese per l’ottenimento dell’estratto conto dal dispositivo.

Per quanto concerne le commissioni vere e proprie invece, queste risultano essere:

  • 1,8% per le transazioni con PagoBancomat
  • 2,5% con MasterCard, VISA (debito), VPay
  • 2,6% con carta VISA (credito)
  • 3,5% con JCB e UnionPay

Ovviamente possono esserci ulteriori maggiorazioni per i pagamenti effettuati dall’estero. In questa ottica inoltre, ricordiamo come Move and Pay è compatibile con carte facenti parte dei circuiti:

  • PagoBancomat
  • MasterCard
  • VISA
  • VPay
  • JCB
  • UnionPay
  • Maestro
  • Diners Club

Move and Pay: Opinioni 2020

La proposta di Banca Intesa Sanpaolo appare immediatamente conveniente, anche in virtù dell’assenza di costi per quanto concerne l’attivazione del dispositivo. A parte questo innegabile vantaggio però, vanno calcolati con attenzione tutti i costi legati al dispositivo.

Al di là dell’estratto conto, il cui costo è irrisorio, la commissione per le singole operazioni appare particolarmente conveniente solo con PagoBancomat. Le altre percentuali infatti, appaiono sopra la media e quindi ben poco convenienti.

Se a ciò si aggiungono i diversi problemi tecnici legati al software, che non possono essere risolti dalla seppur buona assistenza, si capisce come Move and Pay debba ancora evolversi per rendersi un servizio realmente concorrenziale.

Prank sombody con la finta finestra di aggiornamento di Windows 10 che non finisce mai. Apri il sito in un browser web e vai a schermo intero con il tasto F11.