Quando parliamo di POS Mobile ci riferiamo a quel sistema di pagamento che permette agli esercenti di poter accettare pagamenti tramite carte di credito o di debito anche quando si è lontani dalla propria sede. Si tratta quindi di un prodotto che risulta essere basilare per figure lavorative come corrieri, pony pizza e così via.

Il funzionamento di un POS Mobile, come Sumup (vedi sito ufficiale) , è decisamente semplice e basilare, infatti, siamo di fronte ad un dispositivo di dimensioni ridotte rispetto ai classici POS, che grazie al collegamento in tempo reale con l’app installata sul proprio dispositivo mobile, permette di accettare pagamenti tramite POS in mobilità, così come avviene quando si utilizza il POS fisso presente in negozio.

I modelli di ultima generazione sono sempre più efficienti e accettano sempre maggiori tipologie di carte, come quelle prepagate o app di pagamento diverse dai circuiti MasterCard o Visa. Grazie alle offerte sempre più concorrenziali si può contare su contratti che sono quasi a commissioni 0, e permettono di poter far pagare al cliente qualsiasi cifra senza che vi siano costi in base all’entità del pagamento.

Nel nostro testo entreremo nel dettaglio di questo argomento, andando a vedere quali sono i migliori POS Mobile e le varie tipologie che si possono trovare in commercio.

Tipologie di POS

Le tipologie di POS possono essere diverse, e questo indipendentemente dal tipo di azienda alla quale ci si rivolge, infatti, tutte le società che forniscono questo tipo di supporto tecnologico hanno come proposta un POS fisso, un modello cordless, un modello portatile e uno mobile. Vediamo queste tipologie nel dettaglio:

POS Fisso

Si tratta del classico POS, ad oggi ancora il più utilizzato, e che in pratica è un’apparecchiatura connessa tramite linea telefonica al centro servizi. All’interno dello strumento è presente un modem che gli consente di uscire direttamente verso la rete telefonica. Il tutto grazie ad un connettore RJ-11.

POS Cordless

Detto anche POS Portatile, è uno strumento che di fatto è molto simile ad un comune telefono cellulare. L’apparecchio si divide in due parti, una detta non mobile, e che funziona tramite connessione alla linea fissa o ADSL, e una detta mobile, che funziona tramite il collegamento bluetooth oppure con connessione wireless.

POS Portatile

Si tratta di un sistema di pagamento tramite POS, ma che ha come terminale di pagamento non un apparecchio specifico, ma a trasformarsi in POS è il proprio dispositivo mobile. In pratica, tramite una specifica applicazione il telefono mobile o tablet consente di accettare pagamenti tramite carte di credito o di debito come nel caso di Sumup (vedi sito ufficiale).

POS mobile

Dispositivo di dimensioni decisamente molto ridotte, più piccolo anche di un comune smartphone o tablet, che dopo essersi collegato a un’applicazione installata sul proprio dispositivo mobile permette di accettare pagamenti tramite POS in mobilità, allo stesso modo e alle stesse condizioni di un lettore di carte di pagamento tradizionale, come Sumup (sito ufficiale), Nexi (sito ufficiale) o Axerve (sito ufficiale).

Migliori POS mobile 2022

Andiamo adesso nel cuore del nostro argomento, osservando quali sono ad oggi i migliori POS Mobile che ci sono in circolazione:

SumUp

SumUp: il POS senza costi fissi

SumUp: il POS senza costi fissi

Sumup (vedi sito ufficiale) è un POS di ultima generazione, il quale offre a chi lo utilizza la possibilità di accettare dalla propria clientela tutti i pagamenti attraverso le carte di pagamento classiche.

Per fare questo si avvale del collegamento Wi-Fi oppure anche della connessione dati del proprio dispositivo mobile che permette di accettare pagamenti con qualsiasi carta di debito o credito ovunque ti trovi, semplicemente sfruttando la connessione Wi-Fi o la connessione dati del proprio smartphone.

Per avere questo tipo di POS si parte da un minimo di 29€ per il modello base, a salire in base al tipo di apparecchio che si desidera. Non ci sono costi fissi, ma si pagherà solamente una commissione dell’1,95 percento per ogni transazione.

Nexi POS

POS Nexi: Recensioni ed Opinioni

POS Nexi

Quello offerto da Nexi (vedi sito ufficiale) è POS molto evoluto e caratterizzato da un design decisamente innovativo, dotato di un doppio schermo e che permette a chi lo utilizza di accettare tutti i pagamenti digitali. Non solo, attraverso di esso si potranno anche gestire molti servizi che sono utili per la propria attività, il tutto grazie alle numerose app che ci sono a disposizione.

Il costo per poter ottenere un POS Nexi è di 29 euro, e non è presente alcun canone mensile.

Le commissioni variano a seconda del tipo di metodo di pagamento utilizzato:

  • pagoBancomat, MasterCard e Visa, la commissione è pari all’1,89 percento, con l’aggiunta di uno 0,50 percento nel caso si tratti di una carta extraeuropea.
  • pagamento sia tramite UnionPay e JCB, la commissione è del 2,39 percento a pagamento.

Axerve

Axerve Easy POS

Axerve Easy POS

Axerve (qui il link al sito ufficiale) vanta un primato moto importante, ovvero è ad oggi è il primo Hub dei Pagamenti in Italia, che ha come obiettivo principale quello di offrire alla clientela soluzioni per semplificare l’accettazione dei pagamenti.

L’idea nasce perché una delle mission degli ideatori è quella di creare le condizioni per abbattere i tassi di abbandono del carrello, andando così ad aumentare le possibilità di vendita.

Non ci sono commissioni, esiste solo un costo una tantum di 16 euro per l’attivazione del servizio, e un canone mensile, il quale importo dipende dal volume di transazioni che si fanno nell’arco di un anno. 17 euro più IVA se si incassano fino a 10.000 euro l’anno, 22 euro più IVA invece per un incasso annuale compreso tra 10.000 e 30.000 euro. Se si supera questa soglia massima, viene applicato un costo di commissione aggiuntivo dell’1,5% + IVA calcolato sull’importo eccedente la cifra.

Zettle

Quello di Zettle è un lettore di carte che funziona tramite connessione Bluetooth ad uno smartphone, e grazie al quale si possono accettare pagamenti con varie tipologie di carte elettroniche.

Grazie alla connessione del proprio dispositivo mobile si potranno effettuare transazione ovunque, non solamente in negozio ma anche in mobilità. Per quanto riguarda il costo di acquisto, per Zettle sono necessari 79 euro più IVA, mentre le commissioni dipendono dal volume di transazioni mensili.

Da 1 a 2.000 euro il costo è del 2,75% per ogni transazione, dai 2.000 ai 35.000 euro il costo è va a decrescere dal 2,75 percento all’1% a transazione a mano a mano che ci si avvicina alla soglia massima. Oltre i 35.000 euro si pagherà sempre l’1% a transazione.

Vantaggi nello scegliere un POS Mobile

È abbastanza facile immaginare che ci sono numerosi vantaggi nell’utilizzare un POS Mobile, ma la principale è senza dubbio quella di non perdere più nemmeno un pagamento.

Molto spesso capita di trovare persone che non sono in possesso di contanti al momento di pagare, e si è costretti a mandare i clienti a prendere i soldi o rimandare l’incasso, con tutto quello che ne consegue a livello contabile e soprattutto di cassa. In questo modo non ci saranno più problemi, e ogni qualvolta che si deve ricevere un pagamento dal proprio cliente incasseremo subito la cifra a noi dovuta.

Il Pos mobile come Sumup (sito ufficiale) è un apparecchio indispensabile per quelle attività che operano esclusivamente fuori sede, come ad esempio corrieri, delivery e similari, che spesso si trovano in difficoltà con i pagamenti in contanti, come ad esempio nel gestire i resti. Il POS Mobile risolve ogni problematica.

Come scegliere il POS mobile giusto

Dopo aver visto quali sono le migliori opzioni a disposizione sul mercato, quello che dobbiamo valutare adesso è quale sia quello giusto per le proprie esigenze. Per poter fare la valutazione giusta è necessario osservare alcuni aspetti che contraddistinguono questi apparecchi, in modo poi di poter fare le proprie valutazioni.

Costi fissi e variabili

Il primo aspetto sul quale si deve porre l’attenzione è senza dubbio l’eventuale presenza o meno di un canone fisso mensile, come anche dell’eventuale presenza di una quota di attivazione o delle commissioni. I migliori POS che ci sono in circolazione, come abbiamo visto in precedenza, si dividono in quelli che hanno un costo iniziale e zero commissioni, e altri invece che preferiscono fornire il terminale senza costi iniziali ma applicare commissioni sulle transazioni. Entrambe le versioni sono ottime, ma in base al tipo di attività che si svolge, e al numero di transazioni che si fanno al mese all’anno (Anche sulla base del volume complessivo), una tipologia può risultare a noi più conveniente dell’altra.

Quelli senza canone ma con commissioni sulle transazioni sono i più indicati per attività in fase di avviamento o di piccole dimensioni, o quantomeno con un numero di transazioni e un volume d’affare che sta al di sotto dei 20.000 euro annui. Nel caso invece il proprio volume di affari sia ampio, allora risulta migliore l’opzione con canone mensile, in quanto si andrà a spendere una cifre minore rispetto a quella che si pagherebbe con una trattenuta (seppur piccola) su ogni transazione.

Registrazione online

Una delle cose che possono essere considerate ottime e utili allo stesso tempo, è certamente quella di poter fare la registrazione online senza la presenza di un intermediario, e attendere che l’apparecchio ci venga inviato direttamente alla sede di lavoro. Tutti i migliori POS Mobile prevedono questa opzione, basta essere abbastanza pratici nell’uso di internet per completare la richiesta in breve tempo.

Conto corrente

Altro elemento che possiamo ritenere un punto a favore è quello della possibilità di operare tramite un conto corrente a noi congeniale. Di solito i POS tradizionali richiedono per le operazioni un conto corrente con la banca che rilascia il terminale. I migliori POS Mobile di ultima generazione invece, offrono la possibilità di far accreditare le transazioni su un qualunque conto corrente, anche quello personale, sia che si tratti di un conto presso una banca fisica che online, come anche su una carta prepagata, purché sia una dotata di IBAN.

Tipologie di pagamenti accettate

Le tipologie di pagamento che vengono accettate da Pos mobile come Sumup (sito ufficiale) sono un ulteriore elemento importante su cui porre la propria attenzione. Non si tratta quindi di soffermarsi su quei dispositivi che di default, come avveniva per i modelli tradizionali, permettono di accettare pagamenti tramite sistemi di pagamento quali VISA, Mastercard, American Express, Diners Club e Maestro, ma di avere qualcosa in più. In primis, oggi è necessario permettere ai propri clienti di poter eseguire anche le operazioni attraverso il sistema NFC, ovvero dare alle persone la possibilità di pagare avvalendosi di strumenti di pagamento più sofisticati come Apple Pay e Google Pay, applicazioni da scaricare sul proprio dispositivo mobile e che possono essere utilizzate per pagare presso qualsiasi negozio, tramite tecnologia contactless.

Oltre ad essere un servizio in più che dona prestigio alla propria attività, questo sistema è caratterizzato anche da una serie di vantaggi importante per il cliente, come ad esempio una velocizzazione notevole delle operazioni di pagamento, e anche una maggiore sicurezza per il cliente. Dunque, come si può immaginare, il POS che si andrà a scegliere non potrà essere privo della tecnologia contactless.

Tipologia di connessione

Altro interessante aspetto da valutare è quello del tipo di connessione. Le principali tipologie di collegamento che ci sono e sulle quali fare le proprie considerazioni sono quattro:

  • Connessione Wi-fi: per poter contare su questo sistema è necessario avere già attiva una linea internet a cui collegare il terminale che abbia la funzione Wi-Fi.
  • Connessione tramite SIM: ci sono dei POS che si avvalgono della connessione dati del dispositivo mobile, e per evitare costi pesanti sull’utilizzatore vengono forniti con una SIM dati illimitata, che si trova già all’interno del dispositivo. Grazie a questo sistema si potranno accettare pagamenti ovunque ci si trovi, potendo contare su una copertura telefonica 3G o 4G.
  • Bluetooth: si tratta della possibilità di collegare il POS al proprio dispositivo mobile, così da utilizzare la SIM ed effettuare la transazione avvalendosi della connessione dati.
  • Combo: siamo di fronte a POS di prima fascia, che hanno un costo più alto rispetto alla media, ma che permettono all’utilizzatore di poter contare su due tipologie di connessioni, che in genere sono quella wi-fi e quella tramite SIM integrata. Questo permette di avere una vasta flessibilità nell’utilizzo dell’apparecchio, che può avvenire sia in sede che all’esterno.

Durata della batteria

La durata della batteria è un elemento che interessa soprattutto quelle aziende che necessitano di utilizzare il POS per molte ore fuori dalla sede operativa e quindi dal supporto per la ricarica (ad esempio corrieri e servizio di delivery).

L’autonomia del terminale varia a seconda del modello, e si può andare da prodotti base che hanno un’autonomia di circa 50 transazioni, a modelli top di gamma che arrivano a circa 200 transazioni.

>> Tra i migliori sicuramente c’è quello di Sumup (sito ufficiale qui).

Tipologia di scontrino

Può capitare sia il cliente che si accontenta della ricevuta inviata tramite sms sul cellulare una volta effettuato il pagamento, sia quello che vuole la ricevuta cartacea.

Dunque, essendo che in commercio esistono modelli di POS che permettono entrambe le opzioni, risulta necessario dirigersi su quelli. Non solo, esistono modelli di fascia superiore che permettono di inserire sullo scontrino cartaceo anche il logo e l’intestazione completa della propria attività.

Gestione con app integrate

Una delle cose che spesso le aziende necessitano di sapere è la situazione reale delle singole transazioni e a quanto ammonta il complessivo giornaliero, mensile o annuale delle operazioni fatte. Nei dispositivi vecchio stampo si doveva aspettare il resoconto inviato tramite posta dalla banca legata al POS, oppure addirittura farne richiesta in prima persona.

I POS di ultima generazione come quello Pos mobile come Sumup (sito ufficiale), invece, si avvalgono di app dedicate da scaricare sul proprio dispositivo mobile, e dentro alle quali si possono trovare tutte le informazioni relative alle operazioni fatte con il POS.

Grazie alle applicazioni si potranno effettuare anche tutta una serie di operazioni, come i pagamenti online e tenere traccia di tutte le informazioni di ogni transazione, come ad esempio chi ha effettuato l’operazione, opzione utile quando si è in molti ad utilizzare il POS all’interno della propria azienda.

Vantaggi del POS portatile per la tua attività

I vantaggi del POS portatile come Pos mobile come Sumup (sito ufficiale) o Nexi (vedi sito ufficiale)  sono numerosi, e possiamo dire di averli ben delineati durante tutto il testo.

A conclusione del nostro testo cerchiamo di fare un riassunto, in modo da identificare con precisione quali sono i principali, quelli per cui vale la pena dotarsi di un POS Mobile.

  1. Il primo è il fatto di essere oramai più innovativo e più economico del POS tradizionale.
  2. Il secondo vantaggio è che lo si può utilizzare ovunque, anche a distanza di molti chilometri dalla sede operativa.
  3. Infine, il terzo vantaggio è che migliora l’esperienza del cliente e allo stesso tempo l’immagine che la propria azienda mostra all’esterno.

Insomma, indipendentemente da quello che si sceglierà in base alle proprie esigenze, è certo che dotarsi di un POS Mobile di ultima generazione è assolutamente necessario.