Carte prepagate con IBAN per cattivi pagatori e segnalati CRIF

Confronto Carte prepagate con IBAN per cattivi pagatori e segnalati CRIF

Inizia a digitare il nome delle due carte prepagate per Cattivi Pagatori che vuoi confrontare e poi scegli dal menù a discesa che ti comparirà.

I confronti più ricercati per Carte prepagate con IBAN per cattivi pagatori e segnalati CRIF

Costi, limiti e informazioni sono ripresi dai rispettivi siti ufficiali e potrebbero variare senza preavviso. Facciamo del nostro meglio per tenerli sempre aggiornati, ma per avere conferma dei dati attualmente in vigore per ogni strumento finanziario, visita direttamente i siti ufficiali delle banche. Se sei una banca o un'agenzia finanziaria e vuoi pubblicare o aggiornare i tuoi prodotti, contattaci.

Migliori carte prepagate per Cattivi Pagatori

Nome Attivazione Canone
ViaBuy Carta 69.90 € 19.90 € /anno

In questo articolo vediamo le migliori carte prepagate con IBAN per cattivi pagatori e per segnalati CRIF.

Uno dei grandi limiti di chi è stato segnalato CRIF, infatti, è che non è possibile aprire un conto corrente.

Vengono in aiuto spesso le carte prepagate con IBAN come Hype (sito ufficiale), che grazie al vantaggio di avere un IBAN permettono di fare e ricevere bonifici, e di farsi accreditare lo stipendio (oltre ovviamente a poter essere usate per prelevare denaro e per effettuare dei pagamenti).

Cattivi pagatori e carte prepagata con IBAN

Abbiamo detto in apertura che i cattivi pagatori hanno difficoltà ad aprire un conto corrente perché spesso vengono rifiutai dalle banche.

In realtà, non c’è una legge che vieta ai segnalati CRIF di avere un conto corrente, è semplicemente che le banche non amano avere questa categoria di persone tra i propri clienti.

Ecco perché le alternative più fattibili, come l’inglese Revolut (vai al sito ufficiale) o la lussemburghese Viabuy (vai al sito ufficiale) sono molto apprezzate.

Avendo anche il codice IBAN, non c’è praticamente differenza tra le funzionalità che si usano di più su un conto corrente, e quelle che le carte stesse prevedono.

Avere una prepagata invece che il conto corrente classico, inoltre, permette di risparmiare sul bollo statale di 34,20 euro all’anno, che si applica sui conti ma non sulle prepagate.